Biografia

Giuseppe Billoni nasce a Roma nel 1953, ma è Mantova la città adottiva sia per gli studi accademici che per la professione. L’arte delle acqueforti e dei suoi dipinti, definita “criptica”, vela e disvela, secondo la concezione dell’artista, un universo simbolico tripartito, di contenuti di tipo cosmologico e metafisico. Indefinibili sospensioni, forme trasparenti, atmosfere oniriche, figure archetipali e figure mitologiche descrivono la sottesa analogia tra micro e macrocosmo che mira al centro dell’essere ed all’essenza del tutto. Ha partecipato a numerosissime mostre nazionali e internazionali, personali e collettive (1972-2006). Famosi i suoi Tarocchi di Giulio Romano (Mantova 1994).

Dei numerosi apprezzamenti ricevuti da studiosi e critici, tra i quali Carlo Franza, è da menzionare in particolare l’interesse e gli scambi epistolari con Federico Zeri che ritenne di farsi raffigurare sulla copertina del suo libro “Confesso che ho sbagliato”, con i Tarocchi di Billoni. Inoltre durante il XXXI Premio Suzzara manifesterà la sua netta preferenza per le opere esposte dal pittore.

Hanno scritto di lui: Oltre a Federico Zeri (lettere) e Carlo Franza - A.Cesare Ambesi, Paola Artoni, Vito Arienti, Paolo Bertelli, Renata Casarin, Roberta Cappellini, Gilberto Cavicchioli, Claudio Cerritelli, Werther Gorni, Benvenuto Guerra, Arnaldo Maravelli, Renzo Margonari, Carlo Micheli, Claudio Rizzi.

 

bio2